fbpx

Certified App

L’intelligenza artificiale per gli Studi Legali: cos’è e come usarla

L’intelligenza artificiale (IA) sta catturando l’attenzione in vari settori, grazie al suo potenziale trasformativo, evidenziato anche da recenti accadimenti degli ultimi mesi. Ma quali opportunità offre agli avvocati?

Nel mondo legale, l’IA semplifica e accelera i processi, automatizzando compiti routinari e migliorando l’efficienza operativa. Questo si traduce in una significativa riduzione dei costi e più tempo da dedicare ai clienti, spostando l’attenzione dagli aspetti burocratici a quelli relazionali e strategici.

Che cosa è l’intelligenza artificiale?

L’IA riproduce le capacità cognitive umane mediante algoritmi che permettono alle macchine di svolgere attività tradizionalmente umane. Originata negli anni ’50, questa tecnologia ha subìto un’evoluzione costante grazie al progresso tecnologico.

Gli algoritmi di IA analizzano e interpretano grandi quantità di dati per identificare modelli, fare previsioni e suggerire azioni. Questi sistemi trovano applicazione in vari ambiti: dai chatbot di supporto clienti alla guida autonoma, passando per soluzioni di automazione come ChatGPT.

Approfondimenti sull’Apprendimento automatico e l’Elaborazione del Linguaggio Naturale

Due pilastri fondamentali dell’IA nel settore legale sono l’apprendimento automatico e l’elaborazione del linguaggio naturale. L’apprendimento automatico permette alle macchine di apprendere da vasti dataset e applicare le conoscenze acquisite a nuovi dati, mentre l’elaborazione del linguaggio naturale facilita la comunicazione tra computer e umani, permettendo ai sistemi di comprendere e gestire il linguaggio naturale.

Questi strumenti non solo migliorano la precisione e la velocità delle attività quotidiane, ma trasformano anche il modo in cui gli avvocati interagiscono con i dati e i loro clienti, aprendo nuove frontiere per la pratica legale.

Elaborazione del linguaggio naturale

L’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) è un altro sottocampo dell’IA che si concentra sull’aiutare i computer a comunicare con noi umani nella nostra lingua. In poche parole, il NLP consente ai computer di leggere testi o ascoltare discorsi e poi comprendere, interpretare e manipolare quel linguaggio naturale, proprio come farebbe un umano.

Utilizzando il NLP, i computer sono in grado di analizzare grandi volumi di dati testuali—consistente e senza fatica o pregiudizi—per identificare modelli e relazioni e quindi determinare quali parti del linguaggio umano sono importanti.

Questo tipo di IA nel diritto può essere applicato per aiutare a completare compiti come l’analisi di documenti, l’e-discovery, la revisione di contratti e la ricerca legale.

Robotica

La robotica, il ramo dell’ingegneria e della scienza informatica che sviluppa macchine per eseguire compiti programmati, viene spesso associata all’IA. Tuttavia, c’è una differenza chiave: mentre i robot seguono le istruzioni programmate dagli umani, l’IA permette alle macchine di imparare autonomamente.

L’IA e Industria Legale

Nonostante l’adozione storicamente lenta di nuove tecnologie, l’intelligenza artificiale sta lasciando il segno nell’innovazione legale. Negli studi legali, l’IA può automatizzare compiti ripetitivi come l’analisi dei documenti, la ricerca legale e la gestione delle fatture. Questo riduce i costi e migliora l’efficienza, consentendo agli avvocati di concentrarsi maggiormente sui clienti.

Come possono gli avvocati utilizzare l’IA negli studi legali?

L’IA viene già utilizzata in vari aspetti del lavoro legale, spesso in modo discreto. La tecnologia migliora la produttività degli avvocati, aiutandoli a mettere i clienti al centro della loro pratica. Ecco alcuni modi in cui gli avvocati possono sfruttare l’IA:

  • E-Discovery: Questo processo esamina rapidamente grandi quantità di dati elettronici per identificare informazioni non coperte da privilegio legale, pertinenti al caso. Il software di e-discovery consente di ottenere risultati istantanei tramite parole chiave o parametri specifici, come date e luoghi, evitando la ricerca manuale nei documenti cartacei.
  • Ricerca Legale: L’IA rende la ricerca legale più efficiente, permettendo di analizzare rapidamente database di regolamenti, statuti, giurisdizioni e casi. Strumenti come Casetext e Fastcase integrano la ricerca direttamente nei dettagli dei casi, semplificando la gestione e la comprensione dei precedenti.

Gestione e automazione dei documenti

Con il passaggio dalla carta al digitale, gli studi legali affrontano nuove sfide legate all’organizzazione e al recupero dei documenti. Sebbene l’archiviazione elettronica riduca l’ingombro fisico, trovare file specifici resta complicato. Il software di gestione documentale basato sull’IA risolve questo problema attraverso il tagging e la profilazione, permettendo di organizzare, etichettare e cercare facilmente contratti, fascicoli, note ed email.

Oltre a gestire i privilegi di accesso e tenere traccia delle versioni per la sicurezza, queste soluzioni si integrano con altri sistemi come Microsoft Office per condividere file. L’automazione dei documenti, con modelli intelligenti, consente agli avvocati di inserire automaticamente i dati dei casi nei moduli standardizzati, semplificando la creazione di lettere, atti, fatture e altri documenti.

Due diligence

L’IA semplifica il processo di due diligence esaminando rapidamente contratti e documenti per estrarre quelli rilevanti, come quelli con clausole specifiche. Inoltre, identifica variazioni e modifiche nei documenti. Pur richiedendo una revisione umana, la tecnologia riduce notevolmente lo sforzo manuale.

Analisi delle controversie

L’analisi delle controversie richiede la valutazione di precedenti legali per stabilire il valore o la fattibilità di un caso. L’IA assiste nella ricerca e analisi rapida dei precedenti, aiutando gli avvocati a redigere documenti più accurati e pertinenti, basati su dati affidabili.

Come può l’IA per avvocati beneficiare lo studio e il cliente?

L’IA negli studi legali permette ai professionisti di lavorare in modo più efficiente, risparmiando tempo prezioso su compiti manuali e dedicandosi maggiormente alle esigenze dei clienti. Vediamo i principali vantaggi:

  • Incremento della Produttività: Automatizzando attività manuali, come ricerca contrattuale o gestione delle fatture, l’IA elimina perdite di tempo e consente agli avvocati di dedicarsi al lavoro fatturabile, migliorando l’efficienza generale dello studio.
  • Miglior Accesso alla Giustizia: Automatizzando le attività legali ripetitive, l’IA riduce i costi per i clienti. Una ricerca che prima richiedeva 20 ore, ora può essere svolta in due, consentendo agli avvocati di offrire servizi più accessibili.
  • Esperienza Centrata sul Cliente: Liberati da compiti manuali, gli avvocati possono concentrare il loro tempo su relazioni significative con i clienti, comprendendo meglio le loro esigenze. Questo approccio accresce la fiducia dei clienti, generando referenze e migliori recensioni.

Inoltre, gli avvocati possono trascorrere il tempo risparmiato facendo ricerche noiose assistendo più clienti. Sebbene l’industria legale non realizzi ancora pienamente questi benefici dall’uso dell’IA, il potenziale è presente.

Considerazioni etiche sull’IA per avvocati

L’IA offre numerosi vantaggi, ma deve essere usata con responsabilità. Alcune sfide da considerare:

  • Pregiudizi nei Dati: Gli algoritmi possono ereditare pregiudizi presenti nei dati legali storici. Se le decisioni passate erano influenzate da bias, anche l’IA potrebbe replicare questi errori. Pertanto, gli avvocati devono considerare e mitigare questi rischi nell’utilizzo dell’IA.

Sebbene l’IA possa sbloccare efficienze per gli avvocati, solleva anche questioni etiche che gli studi legali dovrebbero considerare—soprattutto il potenziale per il pregiudizio.

Poiché l’IA utilizza dati che provengono dagli umani per creare output e previsioni—e gli umani possono essere prevenuti—l’IA porta con sé un potenziale intrinseco di pregiudizio.

Ad esempio, se le decisioni legali passate sono state prese con pregiudizi ingiusti, e uno strumento IA utilizza l’apprendimento automatico basato su quelle decisioni per trarre conclusioni, allora l’IA potrebbe imparare involontariamente quello stesso pregiudizio. Con questo in mente, è importante che gli avvocati considerino il potenziale pregiudizio quando utilizzano l’IA.

Privacy dei dati

Gli avvocati hanno il dovere di proteggere le informazioni riservate dei clienti, quindi devono essere attenti alla sicurezza degli strumenti che utilizzano. Gli strumenti di IA si basano sui dati per funzionare, pertanto gli studi legali devono fare attenzione a quali dati consentono all’IA di accedere. Ad esempio, le informazioni confidenziali dei clienti non dovrebbero mai essere aggiunte a un database condiviso.

Formazione ed educazione

Una corretta formazione è essenziale per un uso etico e responsabile dell’IA. Sebbene gli avvocati non debbano diventare esperti in IA, dovrebbero capirne i principi per identificare e gestire eventuali rischi etici o di privacy. Conoscendo la tecnologia, potranno decidere quando e come impiegarla al meglio nella loro pratica

Sebbene non sia infallibile e richieda che gli studi legali siano cauti e attenti alle potenziali questioni etiche e di privacy, l’IA per avvocati ha il potenziale di trasformare il modo in cui gli avvocati lavorano.

Considerazioni Finali sull’IA negli Studi Legali
L’IA per avvocati ha un grande potenziale di trasformare il settore legale, pur richiedendo cautela verso le sfide etiche e di privacy. Gli strumenti di IA possono automatizzare compiti come l’e-discovery, la gestione dei documenti e la generazione di idee, permettendo agli avvocati di fare di più con meno sforzo. Questo libera tempo per offrire servizi migliori ai clienti, a un costo più basso, migliorando l’accesso alla giustizia.

Ora che il potenziale dell’IA nel diritto continua a crescere, è il momento per gli avvocati di saperne di più. Leggete la nostra guida per avvocati sull’intelligenza artificiale per maggiori informazioni sull’etica e sulle considerazioni chiave intorno all’IA.

Scopri il nostro Gestionale per Studi Legali

Vuoi provare Quantum?

Inizia un viaggio sicuro nel futuro digitale del tuo Studio Legale con Quantum

Naviga nel sito

Le nostre Soluzioni

Scopri Quantum il nuovo gestionale per gli Studi Legali

Cliccando su "Entra in contatto con un nostro esperto", acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali per essere contattato e dichiari di aver letto la nostra informativa sulla privacy.